Recensione: Rebel di Alexandra Adornetto

Eccomi di nuovo! Come state? Finalmente vi parlo di questo libro, spero davvero che vi piaccia!

L’autore: Alexandra Adornetto è nata in Australia il 18 aprile 1992. La narrativa è sempre stata la sua grande passione: quando aveva solo tredici anni, ha rinunciato alle vacanze estive pur di portare a termine la stesura di un romanzo e, da allora, non ha mai smesso di scrivere. Rebel è il suo primo libro a essere pubblicato in America ed è subito entrato nelle classifiche del New York Times e di Publishers Weekly. Attualmente si divide fra l’Australia e gli Stati Uniti, dove spera di affiancare all’attività di scrittrice anche quella di attrice.

3868142 Titolo: Rebel
Titolo originale: Halo
Autore: Alexandra Adornetto
Casa editrice: TEA
Numero di pagine: 382
Prezzo: € 10,00
Serie: “Halo Series” #01
Genere: Urban Fantasy, Young Adult

“Tre lampi nella notte, come stelle piovute dal cielo. Sono Gabriel, l’arcangelo guerriero, Ivy, la guaritrice, e infine Bethany, alla sua prima esperienza sulla Terra. Sono stati inviati a Venus Cove perché una serie di tragedie si è abbattuta su quella pacifica cittadina di mare: una liceale ha perso la vita in un incendio, un altro studente è rimasto ucciso scivolando da un tetto, alcuni bambini sono morti a causa di una violenta influenza… Per gli esseri umani si è trattato di tragiche fatalità; per gli angeli, invece, sono segni ben precisi di un piano demoniaco assai più vasto. E il compito di Bethany, che ha assunto le sembianze di un’adolescente, è frequentare la Bryce Hamilton School per scoprire se c’è un legame tra la scuola e le Forze Oscure. Sebbene l’impatto con la nuova realtà sia traumatico e fare amicizia coi compagni sembri un’impresa impossibile, Bethany a poco a poco si cala nella parte e inizia a parlare come loro, ad agire come loro e, soprattutto, ad amare come loro: agli angeli è proibito provare sentimenti umani tuttavia, non appena incrocia lo sguardo di Xavier – uno sguardo che nasconde un passato doloroso -, lei si sente pronta persino a infrangere le leggi del Cielo pur di stare con lui… L’amore la distruggerà o il suo atto di ribellione salverà il mondo?”

Il primo libro della saga creata dall’autrice australiana Alexandra Adornetto, scrittrice di libri per giovani e adulti, si chiama Rebel.

La storia è incentrata su Bethany, un angelo in missione sulla Terra insieme al fratello e alla sorella per portare un po’ di sentimento religioso e di fede all’interno di una cittadina in cui il Male sta prendendo il sopravvento a causa degli Agenti delle Tenebre.
Diversamente dagli altri libri che hanno per protagonisti gli angeli, qui i personaggi sono in tutto e per tutto esseri celesti, con poteri sovrannaturali che si dedicano ad atti caritatevoli; infatti spesso si racconta di angeli caduti, diventati quasi esseri umani, alcune volte addirittura senza ali perchè gliele anno strappate… beh non è questo il caso.

Bethany, la protagonista principale, è un angelo che per la prima volta scende sulla Terra e il suo animo è molto sensibile a tutti i sentimenti umani, dal dolore e dalla sofferenza fino alla gioia e all’amore. Al contrario dei suoi fratelli che come angeli “anziani” sono abituati a mantenere le distanze da tali emozioni, lei ne è travolta. In particolare viene sconvolta quando conosce Xavier, un umano che la fa innamorare con il classico colpo di fulmine; da qual momento tutta la sua vita ruota attorno a lui e alla paura di perderlo a causa del possibile termine della missione e quindi del ritorno in Paradiso.

Questo libro mi è piaciuto molto, cercavo di leggerlo in ogni momento libero, mi ha preso tantissimo fin dalle prime pagine. E’ molto dolce il rapporto che hanno Bethany e Xavier, si basa sulla fiducia reciproca e sull’amore incondizionato, un genere di amore che oggi non si trova molto spesso. A loro due basta la presenza dell’altro per sentirsi completi e felici, decisamente colpisce.
Una parte che mi ha fatto ridere è quella che riguarda l’unica amica di Beth, Molly, che pur di attirare l’attenzione dell’algido Arcangelo Gabriel, ne inventa una dopo l’altra con scarsi risultati, per non dire nulli. E’ bella perchè alleggerisce la storia altrimenti densa emotivamente.

L’ultima cosa che voglio dire è che il modo di scrivere dell’Adornetto è scorrevole, si legge facilmente e non richiede una grande attenzione, se volete rilassarvi e leggere qualcosa di carino, dovreste leggerlo.
Alla prossima!
Cecilia

Valutazione: 

4 gira